Organizzato da:

Logo CCIAA di Pescara
Marina di Pescara

Con la collaborazione di:

Assonautica Pescara

DUE I VINCITORI DEL PREMIO NAZIONALE DEL DESIGN NAUTICO. DOMANI ULTIMA GIORNATA.

Il   23 giugno 1966 mollava gli ormeggi dal porto di Pescara il piccolo traghetto “Egadi” della compagnia “Linee Marittime dell’Adriatico”. Grazie alla lungimiranza ed al coraggio di un agente marittimo pescarese ed al sostegno dell’allora Ministro Lorenzo Natali, con quel primo viaggio verso Spalato aveva inizio un’epopea destinata ad incidere profondamente nella storia, nella cultura e nell’economia di questa città e di questa regione. nel 1971 prendeva servizio l’ormai mitica motonave “Tiziano”.

Dal 2001 ebbe inizio  la nuova era dei collegamenti da Pescara grazie all’arrivo della Snav, unico armatore all’epoca a credere nello sviluppo dei traffici marittimi passeggeri da Pescara. Oggi si festeggiano i 50 anni di collegamenti via mare tra Pescara e la Croazia e, durante “Sottocosta”, è stato presentato il rinnovato calendario (23 luglio – 4 settembre) di viaggi per l’estate oramai alle porte.

“Esprimo soddisfazione – ha dichiarato il presidente della CCIAA di Pescara, Daniele Becci – per essere riusciti a portare avanti un iter con la Snav, primo vettore mondiale che, nonostante le difficoltà, ha creduto nel nostro porto”. “Il ricordo dei 50 anni di collegamento con Spalato – ha commentato il comandante della Capitaneria di Porto, Enrico Moretti – non deve essere un ricordo sterile ma occorre uscire da questo stato  catatonico e far si che il porto soddisfi le esigenze del territorio”. “Un porto senza dragaggio non ha nessuna attrattiva – ha incalzato il comandante Snav, Raffaele Aiello – la molla che ci ha portato a proseguire finora è stata la volontà di non voler perdere una battaglia, nonostante i consistenti ridimensionamenti e grazie alla Camera di Commercio di Pescara che ci ha sostenuti, anche economicamente. Ma se non ci sarà un dragaggio accettabile, il prossimo anno non rinnoveremo il collegamento. Sarebbe un’amara sconfitta”.

“Sottocosta” è proseguita , nel pomeriggio, con le attività in programma, tra cui il Premio nazionale del design nautico, a cura dell’architetto Claudia Ciccotti. Ad aggiudicarsi il premio, per la categoria professionisti , Alberto Baldacci con la sua Katniss 7.0 e per la categoria studenti, Alessio Biagi con “Argo 22”. A decretare i vincitori, una giura composta da : Alfredo Malcarne,presidente Assonauticaa nazionale e della CCIAA di Brindisi, Giovanni Ceccarelli, della Ceccarelli Yacht design e presidente AS.PRO.NA.DI, Laura Antosa, presdiente  Ordine architetti Pescara e della Consulta delle professioni della CCIAA Pescara, Vincenzo Zottola, presidente CCIAA di Gaeta e il giornalista Andrea Mori.

Domani, domenica 5 giugno, ultimo suono del nautofono, per l’edizione numero tre di “Sottocosta” che chiuderà i battenti alle 20.30, dopo le esibizioni di freestyle dei Flyboarder Heenalu Team e le degustazioni di vino made in Abruzzo.